Contendi e Cantendi Sa Batalla - Segundu Editzioni

02 luglio 2019

- LOCANDINA

SA BATALLA di Sanluri del 1409 è uno degli eventi che ha segnato il corso della storia dei sardi. La storia non è fatta di se e di ma, ma non possiamo fare a meno di chiederci quale corso avrebbe seguito se in quella maledetta battaglia le cosa fossero andate diversamente. Siamo nel 1408, i rapporti tra la corona di Aragona e quella di Arborea sono oramai compromessi, quest'ultima è accusata di tradimento perché non accetta il ruolo di vassallo, non si piega al volere straniero, anzi piano piano conquista quasi tutta l’isola ad esclusione fondamentalmente del castello di Cagliari e  Alghero.  L’Aragona deve conquistare la Sardegna già formalmente concessa nel 1297 da Papa Bonifacio VIII a Giacomo II di Aragona con la creazione del Regnum Sardiniae et Corsicae (per risolvere un problema politico in Sicilia). Dopo il vano tentativo di risolvere la questione diplomaticamente decidono di reclamare l'isola con le armi. Nel 1408 Martino il giovane, re di Sicilia ed unico erede al trono della Corona di Aragona, sbarca al porto di “Cagliari” con 150 navi ed un potente esercito fatto di 3.000 cavalieri e 7.000 fanti. Nel giugno del 1409 muove con l’esercito alla volta di Sanluri dove è acquartierato l’esercito nemico. Mariano IV, la figlia Eleonora e suo marito Brancaleone Doria sono morti, Guglielmo III visconte di Narbona è incoronato re. Il suo esercito è molto più numeroso, ma meno organizzato e armato rispetto a quello nemico, è composto da 20.000 soldati tra fanti e arcieri genovesi.... La BATTAGLIA è nell'aria...

Sa batalla de Seddori, de su 1409, est unu de is acontèssius chi at marcau su cursu de sa stòria de is sardus. Sa stòria no est fata de incapas e ma, ma no podeus fai de mancu de si pregontai cali arrastu iat a ai sighiu si in cussa batalla maradita is cosas fiant andadas in manera diferenti. Seus in su 1408, sa corona de Aragona e cussa de Arbarei funt a prima, sa situatzioni est oramai cumprumìtia , sa corona de Arbarei est acusada de traitoria ca no acetat su ruolu de vasallu, e no s'incrubat a fai su chi bolint is stràngius, antzis abellu abellu conchistant giai totu s'ìsula foras de su casteddu de Casteddu e s'Alighera. S'Aragona depit conchistai sa Sardìnnia giai formalmenti cuntzèdia in su 1297 de su paba Bonifacio VIII a Giagu II de Aragona cun sa creatzioni  de su Regnum Sandiniae e Corsicae (po circai de arresolvi una chistioni polìtiga in Sitzìlia). Avatu de ai provau a aparixai sa chistioni diplomaticamenti is aragonesus detzidint de pretendi s'ìsula cun is armas. Est aici chi in su 1408 Martinu su Giòvunu, urrei de Sitzìlia e fillu e eredeu solu de sa corona de Aragona, sbarcat in su portu de "Casteddu" cun 50 navis e un'esèrcitu poderosu fatu de 3.000 cuadderis e 7.000 fantis. In su mesi de Làmpadas movit cun s'esèrcitu conca a Seddori anca s'agatat s'esèrcitu nemigu. Marianu IV, sa filla Lionora e su pobiddu Brancaleone Doria funt mortus, Guglielmu III viscondi de Narbona est s'urrei nou. S'esèrcitu cosa sua est meda prus mannu, ma prus pagu organizau e armau de cussu nemicu, est fatu de 20.000 sordaus tra fantis e arceris genovesus... sa BATALLA est in s'ària.